Informativa breve Privacy | Cookies | GDPR

Go to Appearance > Menu to set "Primary Menu"

| Una foto dell'epoca contemporanea, mostrata con la visuale di showbiz e new media: tra indiscrezioni e retroscena |

Category archive

Attualità

Il Retroscena | Matteo Renzi e la mossa “segreta” post primarie: ecco come prepara la rivincita

in Attualità/Politica by



  • Le immagini in Tv, i singoli fotogrammi in video, durante la trasmissione “Otto e mezzo”, potrebbero aiutare a comprendere la “mossa” di Renzi dopo le primarie del Pd.

Qual’è il piano di Matteo Renzi? In caso di successo nelle consultazioni interne dell’ex premier ovviamente, ipotesi meno scontata di come non apparisse sino ad un paio di settimane or sono.

Il retroscena si racchiuderebbe in un singolo scambio durante la trasmissione Tv condotta da Lilli Gruber su La7. La conduttrice chiede a bruciapelo, verso la fine del programma, quale sistema elettorale Renzi tenderebbe a prediligere. Il leader del Pd ha un attimo di esitazione, risponde d’istinto, abbassa impercettibilmente lo sguardo e si lascia scappare: “Il Matterellum“. Quasi ad essersene immediatamente pentito, aggiungerà una frase (quasi compensatrice) che grosso modo suona così: “Ci spero ma non ci credo“. E’ forse quello il “piano A” di Renzi in vista della futura tornata elettorale, che con ogni probabilità avrà luogo a scadenza naturale della legislatura. Riconquistare Palazzo Chigi grazie al sistema elettorale del Mattarellum: diversi elementi farebbero propendere per questo teorema. Con chi potrebbe trovare una convergenza politica, sulla nuova legge elettorale, un Renzi eventualmente di nuovo dominus del suo partito?

Non con Grillo ed i 5 Stelle, questi ultimi vedrebbero nel proporzionale attuale il sistema elettorale a loro più congeniale. Difficile un’ intesa con la Lega di Salvini. Resta Forza Italia e, meno probabilmente, Fratelli d’Italia.

Perché mai Berlusconi dovrebbe avallare un appoggio ad una legge elettorale che lancerebbe Renzi verso un nuovo premierato? I sondaggi danno Forza Italia, numero più numero meno, attualmente attestata ad un 12-13%, spesso scavalcata dai leghisti nel fronte del centro-destra. Il Mattarellum, con lo schema dei collegi, potrebbe permettere a Forza Italia di conquistare un numero sufficiente di senatori e deputati tali da ristabilire, almeno nel campo conservatore, i tradizionali rapporti di forza. Quanto serve per rilanciare la spinta propulsiva degli azzurri, seppur in una eventuale opposizione. Il Mattarellum, ogni volta che è stato utilizzato, ha premiato quei partiti in grado di presentare nei singoli territori locali figure e candidati radicati ed esperti. Il Mattarellum tende a premiare il singolo candidato prima ancora che il suo partito. E’ forse l’unico sistema elettorale in grado di ridimensionare il voto di protesta e l’ondata dell’anti-politica. Ed in questo senso, le incognite maggiori sarebbero riservate proprio ai pentastellati, la cui forza propulsiva si è sviluppata nell’attuale decennio e solo negli ultimi anni stanno consolidando una classe dirigente su base locale. Il nuovo Pd “renziano” avrebbe da guadagnarci, Forza Italia anche. Molto se non tutto dipenderà in che rapporti di forza con cui Matteo Renzi uscirà dalle primarie del 30 aprile. L’ex sindaco di Firenze, politicamente rinvigorito, potrebbe convincere Silvio Berlusconi ad un “Nazareno 2.0“, anche solo in ottica di legge elettorale.

Matteo Renzi tra Scilla e Cariddi, gli scogli delle primarie del Partito Democratico rappresentano la vera insidia per l’ex premier.

Matteo Renzi il 30 aprile dovrà, probabilmente, superare il primo e più tortuoso ostacolo che lo divide dalla riconquista del premierato. Scenario vincente: se la missione del 51% dovesse andare a buon fine (una maggioranza relativa nel partito sarebbe l’equivalente di una bocciatura) la strada per l’ex premier si mostrerebbe in netta discesa. Difficile, se non utopistico, pensare di andare alle urne per giugno: Renzi attualmente è fiaccato dall’inchiesta Consip e da primarie che si annunciano più ostiche di quanto previsto settimane or sono. Mancherebbero i tempi tecnici e soprattutto l’attuale legge elettorale renderebbe improbabile una maggioranza tale da poter governare in autonomia. E a quel punto a cosa sarebbe servito andare a votare di fretta e furia? Renzi, dopo le primarie, ha bisogno di una legge elettorale che gli permetta di governare con stabilità in caso di vittoria ma che, al contempo, disinneschi l’ondata dell’anti-politica incarnata da Movimento 5 Stelle e Lega Nord a guida Salvini. Tanti, troppi indizi, sembrano portare ad un accordo bipartisan sul ritorno al Mattarellum.


Per approfondire:

  • Sul sito ufficiale dell’emittente televisiva di “La7”, un video della puntata di “Otto e mezzo” andata in onda il 3 marzo 2017, con ospite in studio Matteo Renzi.
  • Il canale ufficiale Video YouTube del Partito Democratico. Tra gli ultimi video inseriti i singoli interventi dei principali esponenti del partito in occasione dell’ Assemblea Nazionale.
  • Il profilo ufficiale Twitter di Matteo Renzi. L’ex premier in questo momento può vantare oltre 2 milioni e ottocentomila followers che seguono abitualmente i suoi aggiornamenti con “tweet”, foto e brevi video.

Nel Video YouTube in appendice all’articolo, tratto dal canale ufficiale YouTube di “Press Tv News Videos“, la crisi del Pd vista  nell’ottica dei mass media stranieri.

Il Retroscena | La scoperta epocale dei mondi abitabili e la rivelazione NASA: oltre le immagini ed i video

in Esteri/Video YouTube by

  • Immagini e Video in questo caso sono elementi di contorno, sono i dati forniti nei giorni addietro della NASA a fare la realmente differenza.

La scoperta epocale della NASA di mondi abitabili, intorno alla stella Trappist-1, presenta ben altri elementi significativi.

I retroscena non mancano, innanzitutto prendendo il primo dato significativo: questa fascia di pianeti teoricamente abitabili sono distanti dalla Terra appena una quarantina di anni luce dal nostro globo terracqueo. Elemento, in questo caso, che apre a scenari di ricerca astronomica e sviluppo scientifico a dir poco esponenziali. Andando oltre: 3 di questi pianeti sarebbero teoricamente in grado di ospitare acqua allo stato liquido, pregiudiziale per lo sviluppo ipotetico di forme di vita.

Solo 15 anni fa, ciò che è stato rivelato ufficialmente in conferenza stampa dai funzionari della National Aeronautics and Space Administration sarebbe apparsa una teoria azzardata e accademicamente avventurosa, o lo script di una sceneggiatura di un film di fantascienza.

In realtà, nel decennio attuale, da un punto di vista astronomico c’è un principale elemento essenziale: lo sviluppo tecnologico e i sofisticati mezzi esplorativi dei vari Telescopi spaziali stanno facendo la differenza. Finendo, inevitabilmente, per ribaltare il campo della scienza tradizionale più ortodossa, riducendo ad anacronismi alcuni dogmi astronomici consolidati. In questo caso, la scoperta epocale della NASA va addebitata all’opera esplorativa del Telescopio Spaziale Spitzer, tuttavia non si può dimenticare che risultati significativi e quantitativamente numerosi sono stati realizzati anche dal Telescopio Kepler. E la domanda che in tanti si pongono, sui mass media come nel novero degli addetti ai lavori: lo sviluppo delle tecnologie spaziali e l’evoluzione delle operazioni scientifiche in cantiere nei prossimi anni, quali scoperte sensazionali possono ancora riservare al genere umano? Le ultime vicende di cronaca ci dimostrano come la frase “Siamo entrati in una terra ignota” è quanto mai pertinente con lo scenario recentemente divulgato.


Per approfondire:

  • Sul sito ufficiale della National Aeronautics and Space Administration, è presente un report con tutti i dettagli della recente scoperta astronomica. Le ultime news, confermano la NASA come l’ente spaziale governativo maggiormente competitivo, con numerosi programmi astronomici e scientifici in cantiere negli anni a venire. Ciò nonostante, soprattutto all’epoca della prima amministrazione di Barack Obama, un taglio di fondi federali ha dovuto contenere lo sviluppo di alcune operazioni ambiziose a lunga scadenza.
  • Sul canale ufficiale Video YouTube della NASA sono presenti numerosi filmati e clip inerenti le ultime news riguardanti lo spazio e le attività della National Aeronautics and Space Administration. Il canale Video YouTube di NASA Television presenta aggiornamenti filmati costanti, a ritmo quotidiano. In occasioni di eventi significativi o scoperte astronomiche di un certo rilievo, la NASA tende anche ad utilizzare il canale ufficiale Video YouTube per alcune trasmissioni televisive in diretta.
  • La National Aeronautics and Space Administration è piuttosto attiva anche sul fronte delle varie piattaforme di social network e news media. In particolare sulla piattaforma social di Twitter, dove la NASA può vantare qualcosa come 22 milioni di followers che seguono costantemente le notizie e gli aggiornamenti.
  • Il profilo ufficiale Instagram della NASA, l’ente governativo americano è attivo anche sulla piattaforma social di condivisioni di immagini e brevi video. Su Instagram, la NASA tende a condividere e pubblicare alcune delle fotografie più suggestive realizzate dai vari telescopi spaziali nel Cosmo. Su Instagram, a seguire il profilo ufficiale della NASA, si contano quasi venti milioni di followers di varie lingue e nazionalità.
  • Un report sulla recente scoperta astronomica, divulgata dalla NASA, è presente sull’edizione on line del “The Telegraph”. Accanto a clip filmate e immagini, alcune specifiche riguardanti i pianeti teoricamente abitabili a pochi anni luce dalla Terra.

Nel Video YouTube in appendice all’articolo, tratto dal canale ufficiale Video YouTube di “Nasa Jet Propulsion Laboratory”, una sintesi in immagini e supporti multimediali della scoperta epocale effettuata dal Telescopio spaziale Spitzer.

Viaggiare nel Tempo, scienziati più possibilisti: UFO ‘crononauti’ senza più gli Alieni? | Misteri News

in Attualità by

  • Viaggiare nel tempo: nel futuro o a ritroso? Estremamente complicato ma, nel decennio corrente, differenti correnti di pensiero della scienza tradizionale si mostrano maggiormente possibiliste sulla teoria dei “crononauti”.

Nel senso che, al netto di scenari degni dei film di fantascienza sui viaggi nel tempo, alterare la dinamica classica dello scorrere delle nostre esistenze si potrebbe concretizzare perlomeno in linea teorica.

Gli accademici Howard Wiseman e Michael Hall (in quota al dipartimento di Quantistica della Griffith University)sono solo gli ultimi scienziati in ordine di tempo che, nello scorso mese di novembre, si sono esposti sino a teorizzare la possibilità di poter in futuro viaggiare nel tempo. La tesi si interseca direttamente con la variabile degli universi paralleli e le dimensioni alternative alla nostra (link con approfondimento a fine report n.d.a.). In realtà la strada, alla possibilità teorica dei viaggi nel tempo, è stata aperta già da qualche anno nel solco delle scienze convenzionali. Senza dimenticare l’accademico russo Alexander Trofimov, una delle figure accademiche internazionali che da oltre 20 anni porta avanti teorie innovative sull’argomento. Il professor Trofimov è stato in Italia questo autunno, in occasione di un evento svoltosi in Friuli.

L’elenco di scienziati di fama internazionale che, seppur più o meno timidamente, paventano la possibilità teorica dei viaggi nel tempo si va facendo sempre più esteso.

Anche perché l’evoluzione degli studi di fisica, oltre al progredire delle tecnologie, non può più confinare la materia nel recinto dei romanzi e dei film di fantascienza, oppure nel novero delle semplici utopie. Al netto delle teorie sui viaggi nel tempo, esistono prove della presenza di crononauti provenienti dal nostro futuro o da una dimensione parallela? Tutto ciò che è stato proposto come indizio concreto o come prova oggettiva dei viaggi nel tempo è divenuto materia controversa. Spesso, il tutto, è finito per ridursi a leggenda metropolitana, fiaba contemporanea o fenomeno popolare se non di classica “bufala”. Di certo, i fautori dell’esistenza di UFO e Alieni guardano allo sviluppo del tema con estremo interesse. Ad esempio, se il teorema dei viaggi nel tempo e degli universi alternativi dovesse prendere consistenza, persino il misterioso fenomeno degli avvistamenti UFO potrebbe godere di una logica spiegazione. E proprio nella controversa tematica degli “UFO Sightings” correlata ai potenziali viaggi nel tempo che i ricercatori delle “scienze di confine” tentano una saldatura con i circoli accademici più ortodossi. Un anello di congiunzione senza basi solide e concrete? Si entra a questo punto in un terreno a dir poco scivoloso, dove accanto alle ipotesi sugli UFO ed i viaggi nel tempo entrano in gioco le variabili sui paradossi spazio-temporali. Senza contare come, in seno alla ricerca UFO, c’è la spinosa questione delle teorie inerenti gli extraterrestri e ipotetici alieni provenienti dallo spazio.

Sorgono così differenti domande irrisolte, tra cui: se il fenomeno UFO è davvero correlato ad un futuro sviluppo concreto dei viaggi nel tempo, l’ipotesi concernente alieni e ipotetiche civiltà extraterrestri viene a decadere automaticamente?



Per approfondire:

  • Un ampio report sulla teoria dei viaggi nel tempo di Hall e Wiseman è presente sull’edizione on line del “Toronto Sun”.
  • Il “New York Post” ha dedicato un ampio speciale sul teorema formulato dai due fisici dell’università australiana, il “Time Travel” anche nella cultura popolare anglosassone restano un argomenti di ampio risalto ed interesse nei paesi di lingua anglosassone.
  • Una scheda con biografia del professor Alexander Trofimov è presente sul portale “earthscience.conferenceseries.com
  • Per essere costantemente aggiornati sulle ultime news inerenti UFO, Alieni e Misteri, è possibile consultare le breaking news e flash news che vengono inserite sulla pagina tematica Facebook di “UFO Index“.

Victoria’s Secret, i “segreti” degli angeli svelati nei Video YouTube

in Fashion Style/Intrattenimento by
brand moda victoria's secret

  • Il Victoria’s Secret Fashion Show 2016, nel campo della moda e del fashion style, ha rappresentato un evento senza precedenti. A Parigi hanno sfilato alcune delle supermodelle più affascinanti ed eleganti al mondo.

Non a caso, l’interesse mediatico intorno al Victoria’s Secret Fashion Show in questa occasione ha raggiunto picchi di interesse altisonanti, attirando l’attenzione non solo degli addetti ai lavori ma anche degli appassionati della moda femminile.



Un pubblico eterogeneo che ha potuto ammirare, anche grazie ai social media e ai social network, le #supermodelle e le Top Model più attraenti ed affascinanti dell’epoca contemporanea. Non è azzardato affermare come, sulla passerella di Parigi nello scorso autunno, si sono esibite quelle che vengono considerate come le donne più belle del globo terraqueo. Lais Ribeiro, Alessandra Ambrosio, Jasmine Tookes, Stella Maxwell e tante altre. Erano oltre cinquanta le Top Model e supermodelle ammirate nella capitale transalpina. Non da oggi, la #moda ed il fashion style vanno sposandosi ed indossando gli abiti dell’evento a tutto tondo, con show in piena regola. Un’evoluzione, nella percezione e nel marketing, di cui il brand di Victoria’s Secret è senza dubbio tra i capofila.



 In questo solco mediatico, non a caso, si inserisce anche la piattaforma ufficiale YouTube di Victoria’s Secret. Sul canale ufficiale Video YouTube di Victoria’s Secret sono infatti presenti numeri filmati che raccontano il Victoria’s Secret Fashion Show sotto diverse angolazioni e punti di vista. Gli angeli di Victoria’s Secret, ovviamente, anche nei Video YouTube risplendono in tutta la loro forza attrattiva.


Per approfondire:

  • Il canale ufficiale Video YouTube di Victoria’s Secret. La piattaforma YouTube del celebre brand di moda, allo stato attuale, mostra numerose clip e filmati inerenti il Victoria’s Secret Fashion Show svoltosi nelle settimane passate a Parigi. Approfondimenti, dietro le quinte e le suggestive immagini delle modelle più affascinanti al mondo nell’epoca contemporanea.
  • La pagina ufficiale Instagram di Victoria’s Secret. Sull’account ufficiale del popolare social network, il brand di moda statunitense può vantare numeri esorbitanti, ben 50 milioni di followers seguono abitualmente le novità proposte e gli aggiornamenti fotografici con suggestive immagini degli “angeli” che compongono il roster di Victoria’s Secret.
  • Il settore delle fashion house e delle sfilate in passerella in genere, crea un indotto economico di notevoli proporzioni. Una vera industria globale, non solo per quelle Top Model all’apice della carriera ma in tutto il comparto e settori correlati. Ogni anno la rivista Forbes stila la classifica delle Top Model che hanno prodotto il fatturato maggiore su scala internazionale.
  • Il mondo della moda e del fashion style sta vivendo una fase di profonda evoluzione, anche per merito dei new social media e social network contemporanei. Le supermodelle più famose del globo terracqueo, ormai, non possono limitare la loro sfera d’azione professionale alle sfilate in passerella o ai servizi fotografici. Veri e propri network di comunicazione accompagnano Top Model e celebrity della moda negli eventi e nella diffusione di news che riguardano la loro sfera professionale.  Ed è anche per questo che si registra un evidente cambiamento nel settore del fashion e compartimenti correlati.
  • Il canale ufficiale Video YouTube di Vogue. Sulla popolare piattaforma di condivisione filmati, la sezione video della celebre rivista rappresenta un punto di riferimento per addetti ai lavori e semplici appassionati dell’universo fashion. All’interno clip descrittive, aggiornamenti, news e approfondimenti sulle supermodelle più famose dell’epoca contemporanea ma anche le numerose modelle emergenti. Un settore professionale, quello del mondo della moda, in costante evoluzione e mutamento. Proprio i new social media stanno assumendo, a livello di comunicazione e diffusione dei brand, un ruolo sempre più rilevante ed incisivo.
  • Il fenomeno mediatico denominato “Web Influencer“, diffusosi su Instagram ed i vari social network. In un ampio report, la modella Roberta Tirrito analizza il trend che coinvolge vip e star dello spettacolo. Come ad esempio Gigi Hadid, la supermodella icona social che nel giro di pochi anni ha ottenuto ampia visibilità mediatica, raggiungendo la cifra sbalorditiva di 30 milioni di followers su Instagram. La popolare piattaforma di social network è divenuta uno strumento operativo professionale, imprescindibile, per vip, attrici, cantanti, modelle e Top Model.
  • E’ possibile rimanere aggiornati sulle ultime notizie di attualità, modagossip, vip e fashion style, seguendo gli aggiornamenti presenti sotto forma di “news-tweet” nel nostro profilo ufficiale sulla piattaforma social network di Twitter, sulla bacheca Tumblr di “Gossip Index” con riferimenti agli account ufficiali del “125 parole project”.
  • Le ultime notizie con aggiornamenti, curiosità e trend inerenti il mondo della moda, vip, modelle e celebrity, sono disponibili nell’archivio news. Con particolare attenzione alle novità che giungono dai profili ufficiali dei social network dei personaggi più popolari nel settore dello spettacolo e del fashion style.
1 2 3 93
Go to Top